Selezione delle preferenze relative ai cookie

Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili necessari per consentirti di effettuare acquisti, per migliorare le tue esperienze di acquisto e per fornire i nostri servizi, come descritto in dettaglio nella nostra Informativa sui cookie. Utilizziamo questi cookie anche per capire come i clienti utilizzano i nostri servizi per poterli migliorare (ad esempio, analizzando le interazioni con il sito).

Se accetti, utilizzeremo i cookie anche per ottimizzare la tua esperienza di acquisto nei negozi Amazon come descritto nella nostra Informativa sui cookie. Questo comprende l'utilizzo di cookie di prima parte e di terze parti che memorizzano o accedono a informazioni standard del dispositivo, come l’identificatore univoco. I terzi utilizzano i cookie per le loro finalità di mostrare e analizzare la pubblicità personalizzata, generare informazioni sui destinatari e sviluppare e migliorare i prodotti. Clicca su "Personalizza i cookie" per non accettare questi cookie, gestire le tue preferenze ulteriori o saperne di più. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento visitando la pagina sulle Preferenze cookie, come descritto nell'Informativa sui cookie. Per maggiori informazioni sulle modalità e finalità per cui Amazon utilizza i dati personali (come, ad esempio, la cronologia degli ordini dei negozi Amazon), consulta la nostra Informativa sulla privacy.

Personalizza i cookie

Recensione cliente

Recensito in Italia il 1 luglio 2021
Ho sempre amato la serie veneziana di questa autrice, ma con Biondo veneziano la Minarelli si è superata. Lei stessa racconta nelle note d'autore iniziali che l'idea le è venuta in mente durante l'inondazione, l'ultima fortunatamente, che ha colpito Venezia la notte del 12 novembre 2019, quando tutte le calli si sono trasformate in fiumi e torrenti impetuosi lasciando la città sconvolta. Si sa che i romanzieri fanno tesoro di tutto e l'autrice ha immaginato una inondazione di metà Settecento che trascina vicino al Lido il cadavere di una ragazza bionda e bella. Naturalmente toccherà al nostro avogadore Marco Pisani di indagare su quello che appare subito un omicidio, ma con sua sorpresa cominciano a scomparire dalla città altre giovani bionde e belle, di varia provenienza sociale, che nulla hanno in comune tra loro.
Nelle indagini Marco Pisani è affiancato da Nani, che ora è uno studente a Padova, ma si trova in vacanza a Venezia, e non mancano il dottor Valentini, l'avvocato Zen e Chiara, la moglie di Marco, dotata di poteri medianici. Con la capacità che distingue l'autrice di mescolare storia e finzione, compare perfino Giacomo Casanova, che sarà personaggio chiave per imboccare la strada giusta per le indagini.
Non è il caso di raccontare la storia, che va letta e assaporata, ma vorrei dire che ciò che mi ha colpito è l'ambientazione, si potrebbe dire che è un libro d'acqua. L'acqua dei canali, che assume colori diversi nelle varie ore del giorno,quella della laguna limacciosa tra le barene, quella dell'Adriatico oltre le dune di Malamocco, il bacino di San Marco, fitto di imbarcazioni e quella del canale del Brenta su cui naviga il Burchiello. Splendida la vogata di Nani verso Burano che gli fa ritrovare gli odori della sua laguna.
E oltre che sull'acqua l'autrice ci trasporta al Ghetto ebraico del quale ci regala tuto il fascino, e ci fa entrare in interni poco noti come palazzo Dario e l'Ospedaletto.
Naturalmente anche il finale, che non racconto, si svolge in un luogo misterioso della laguna e qui i poteri di Chiara si dispiegano lasciando i lettori incerti tra la realtà e l'immaginazione.
Una delle cose che più apprezzo dell'autrice è la capacità di raccontare storie gialle senza indulgere al macabro e all'horror. Anzi in questo libro prevale oltre all'ambientazione, eccezionale come sempre,il sottile gioco dell'intelligenza
Una persona l'ha trovato utile
Segnala un abuso Link permanente

Dettagli prodotto

4,1 su 5 stelle
4,1 su 5
2.268 valutazioni globali