Selezione delle preferenze relative ai cookie

Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili necessari per consentirti di effettuare acquisti, per migliorare le tue esperienze di acquisto e per fornire i nostri servizi, come descritto in dettaglio nella nostra Informativa sui cookie. Utilizziamo questi cookie anche per capire come i clienti utilizzano i nostri servizi per poterli migliorare (ad esempio, analizzando le interazioni con il sito).

Se accetti, utilizzeremo i cookie anche per ottimizzare la tua esperienza di acquisto nei negozi Amazon come descritto nella nostra Informativa sui cookie. Questo comprende l'utilizzo di cookie di prima parte e di terze parti che memorizzano o accedono a informazioni standard del dispositivo, come l’identificatore univoco. I terzi utilizzano i cookie per le loro finalità di mostrare e analizzare la pubblicità personalizzata, generare informazioni sui destinatari e sviluppare e migliorare i prodotti. Clicca su "Personalizza i cookie" per non accettare questi cookie, gestire le tue preferenze ulteriori o saperne di più. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento visitando la pagina sulle Preferenze cookie, come descritto nell'Informativa sui cookie. Per maggiori informazioni sulle modalità e finalità per cui Amazon utilizza i dati personali (come, ad esempio, la cronologia degli ordini dei negozi Amazon), consulta la nostra Informativa sulla privacy.

Personalizza i cookie

Recensione cliente

Recensito in Italia il 30 luglio 2015
Informazione fondamentale: l’ho comprato prima che Renzi diventasse (direttamente, senza passare dal via) premier. L’ho comprato, insomma, quando Matteo Renzi mi convinceva, quando mi piaceva e quando credevo che potesse davvero rappresentare una svolta per il nostro Paese. Credo che questo libro mi sarebbe sembrato una succursale della fiera della retorica anche allora, devo dire, ma non posso saperlo per certo. So solo che, letto adesso, quando Renzi è premier, fautore di riforme disastrose e arrogante aspirante dittatore, non è che un’accozzaglia di banalità. Di bugie e di sogni che restano tali. Per non parlare del racconto dell’amicizia con Enrico Letta (con amici così, chi ha bisogno di nemici? Letta ne sa qualcosa). E di tutto quel famoso tormentone sulla rottamazione che, come abbiamo visto, è rimasto giusto un tormentone. Tante belle parole, ben scritte e scritte da politico, con tanti slogan, che purtroppo restano solo belle parole.
3 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso Link permanente