Recensione cliente

Recensito in Italia 🇮🇹 il 31 luglio 2018
Un libro tosto, intenso. Prima di iniziare la lettura avevo sentito parlare del personaggio di Teresa Battaglia e ne ero rimasto incuriosito. E’ in effetti un incontro che non può lasciare indifferenti, ma il personaggio che mi ha colpito più di tutti è l’assassino. Ovviamente non posso svelare di chi si tratti, né dare indicazioni in tal senso, ma mi sento di dire che si coglie alla perfezione lo studio psicologico che regge qualcosa che appare inspiegabile. E’ un limite grande, per una recensione, non poter parlare apertamente di quello che, a mio parere, è il fulcro di tutto il romanzo, un tema che mi sta molto a cuore e che lo rende unico.
Non è una lettura “facile”, nel senso che i cambi di scena sono diversi, le vicende raccontate forti, ma restano umanizzate da Teresa e dal povero Marini, che cerca di migliorarsi per sentirsi alla sua altezza. Dentro la protagonista sembrano muoversi sentimenti ed emozioni contrapposte fra loro. E’ una donna che appare forte e sicura di sé, ma che ha un mondo con cui il lettore si troverà a che fare, entrando sempre più a fondo e in connessione con le sue numerose sfaccettature.
L’ambientazione è resa vivida, tanto che sembra di vederla, si ha quasi la sensazione di poter percepirne gli odori.
Insomma, ritengo che i complimenti che ha ricevuto l’autrice siano del tutto meritati e consiglio la lettura a tutti quelli che, in un thriller mozzafiato, sono disposti a lasciarsi condurre e sorprendere perché niente è come sembra. E non si tratta, in questo caso, di una frase fatta.
Roberto Ottonelli
2 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso Link permanente