Selezione delle preferenze relative ai cookie

Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili per migliorare la tua esperienza di acquisto, per fornire i nostri servizi, per capire come i nostri clienti li utilizzano in modo da poterli migliorare e per visualizzare annunci pubblicitari, anche in baseai tuoi interessi. Anche terzi autorizzati utilizzano queste tecnologie in relazione alla nostra visualizzazione di annunci pubblicitari. Se non intendi accettare tutti i cookie o vorresti saperne di più su come utilizziamo i cookie, seleziona "Personalizza i cookie"

Personalizza i cookie

Recensione cliente

Recensito in Italia il 23 gennaio 2021
Il Picco T265 è un decoder zapper molto compatto ed economico (meno di 25 euro a gennaio 2021), gradevole da vedere, con diverse caratteristiche rarissime per questa fascia di prezzo.

Se pensate però di collegarlo tramite SCART, lasciate perdere. Sebbene sia presente una promettente uscita SCART a 21 poli, su questo decoder l'uscita audio-video analogica ha due difetti francamente incredibili (che il servizio clienti Edision mi ha confermato):
1. non è possibile abilitare l'RGB, è disponibile solo l'uscita video composita (CVBS, l'equivalente del "cavetto giallo", che offre la peggiore qualità video possibile).
2. il segnale sul pin 8 della SCART è sempre attivo, anche in stand by. Questo significa che appena collegate il decoder alla tv, anche se è in stand-by, il televisore si sintonizzerà forzatamente sull'ingresso del decoder. E se riuscite a selezionare manualmente un altro ingresso, dove magari avete collegato un videogioco o un lettore DVD, quando accenderete il decoder, la TV non passerà automaticamente all'ingresso giusto.

Se potete collegare il decoder tramite HDMI il discorso cambia radicalmente, e per essere così economico riserva tante sorprese.

Cominciamo dal TELECOMANDO, che è una versione ben allestita di un modello molto diffuso su apparecchi economici: ha quattro tasti programmabili su cui "copiare" il segnale del telecomando della TV o di altri apparecchi. Per il resto, da segnalare alcuni tasti molto utili come quelli per saltare pagine delle liste (PAGE+/-), impostare il timer di spegnimento automatico, accedere direttamente alle registrazioni (velocissimo), trovare un canale in base al nome o cambiare la risoluzione dell'uscita video.

Il SINTONIZZATORE ha una sensibilità media: se su alcune frequenze ricevete un segnale basso non farà miracoli.

La LISTA CANALI è molto pulita e versatile, si possono ordinare i canali per frequenza, in ordine alfabetico, dando precedenza ai canali pay TV o a quelli in chiaro, e naturalmente secondo la numerazione LCN, che dopo l'aggiornamento del firmware v. 2.3.19 (scaricabile dal sito Edision o direttamente dal decoder se connesso a internet) non mostra più il problema segnalato da molte recensioni. Che poi, in buona sostanza, era causato dal fatto che il decoder non chiedeva all'utente come risolvere conflitti di canale: se due canali si contendono lo stesso numero LCN (es: "Italia 1" e "Italia 1 HD" vogliono entrambi il 6) il vecchio firmware li posizionava vicini nella lista, con lo stesso numero. Il firmware nuovo, quando ho provato la sintonizzazione, ha dato precedenza ai canali HD e ha posizionato in fondo alla lista i doppioni.
Molto utile anche la possibilità di cambiare layout alla lista, che oltre ad apparire come la classica colonna con 10 canali, può essere anche su due o tre colonne, per elencare fino a 30 canali insieme.

È disponibile una EPG (guida TV) che mostra, a seconda dei canali, da poche ore fino a 7 giorni di programmazione ed è visualizzabile in diversi layout.

Scorrendo fra le OPZIONI del menù c'è la possibilità di modificare luminosità, contrasto e saturazione, forzare una aspect ratio manualmente, scegliere tra una marea di combinazioni di risoluzioni e frequenze (da 480p a 1080p 60Hz, oppure in base alla tv o al canale), attivare automaticamente i sottotitoli, scegliere la lingua del menù, dell'audio e altro.
Interessante poter spegnere il decoder parzialmente (fake standby) o normalmente (real standby). Nella modalità parziale il decoder si riaccende in 2 secondi e riescono a partire le registrazioni personalizzate. La scelta fra i tipi di standby viene richiesta ad ogni spegnimento, ma il decoder ricorda l'ultima scelta fatta, quindi per spegnere "come sempre" basta premere due volte il pulsante di spegnimento.
Due secondi è anche il tempo massimo del cambio canale (sintonizzando un canale HD in una frequenza diversa).

Proprio parlando di REGISTRAZIONI ho avuto le maggiori soddisfazioni: ho collegato un vecchio hard disk USB da 2,5 pollici e ho potuto registrare trasmissioni comodamente e in chiaro. Le registrazioni includono eventuali sottotitoli e lingue audio aggiuntive e sono leggibili anche da PC. C'è una funzione (premendo OK e usando le frecce < >) che permette di spostarsi rapidamente anche in registrazioni lunghe. Le registrazioni si possono programmare anche dalla EPG, ma solo su programmi non iniziati.
Si può registrare un canale solo alla volta, ma durante la registrazione potrete vedere tutti i canali della frequenza da cui state registrando, che saranno ben evidenziati nella lista. Non avrete errori o avvisi perchè gli unici canali disponibili saranno quelli del mux a cui appartiene il canale in registrazione.
È disponibile anche la funzione TIMESHIFT, che è attivabile anche in modo permanente: in questo caso, il decoder inizierà a registrare ogni canale che vedete, così potrete tornare indietro fino all'ultimo cambio canale effettuato (e volendo avviare da quel punto la registrazione). Ad ogni cambio canale viene cancellata dalla memoria USB la registrazione fatta dal timeshift, mentre se spegnete il decoder resterà in memoria la registrazione dell'ultimo canale visualizzato, finché non lo riaccenderete. Utile anche poter partizionare il disco (compatibili i file system FAT e NTFS) per usare una partizione per il timeshift e un'altra per le registrazioni.

Ultime note:
- all'accensione del decoder dallo stand-by profondo si sente un disturbo intermittente (toc-toc-toc...), che sparisce appena ci si sintonizza su un canale. Un po' inquietante ma di fatto non rappresenta un problema.
- non ho provato a riprodurre molti formati audio, video e immagini, ma l'interfaccia è semplice ma risponde abbastanza bene.
- non avendo un dongle wi-fi compatibile (Edision segnala solo il proprio come compatibile), non ho provato youtube e le altre funzioni "connesse".

In conclusione, se non vi serve per una TV con SCART, questo Edision Picco T265 è un decoder DVB T2 HEVC main 10 semplice ma versatile, con un software spartano ma efficace, a un prezzo molto conveniente.
15 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso Link permanente

Dettagli prodotto

4,3 su 5 stelle
4,3 su 5
2.228 valutazioni globali