Selezione delle preferenze relative ai cookie

Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili per migliorare la tua esperienza di acquisto, per fornire i nostri servizi, per capire come i nostri clienti li utilizzano in modo da poterli migliorare e per visualizzare annunci pubblicitari, anche in baseai tuoi interessi. Anche terzi autorizzati utilizzano queste tecnologie in relazione alla nostra visualizzazione di annunci pubblicitari. Se non intendi accettare tutti i cookie o vorresti saperne di più su come utilizziamo i cookie, seleziona "Personalizza i cookie"

Personalizza i cookie

Recensione cliente

Recensito in Italia il 5 novembre 2018
Questo è il mio secondo Echo, il primo è un Echo Dot, entrambi li ho acquistati durante l'offerta lancio con lo sconto al 40%.
Diciamo subito, anticipando le conclusioni, che l'acquisto al prezzo in offerta è senz'altro giustificato, anche solo per l'utilizzo come altoparlante Bluetooth, mentre al prezzo pieno qualche dubbio c'è.

Ma prima di tutto chiariamo cos'è Echo, e a cosa serve: non è in realtà una scatola intelligente, ma solo un sistema di microfoni supersofisticato, unito ad un altoparlante di buona qualità e alle interfacce WiFi e Bluetooth. Tutta l'intelligenza (o perlomeno buona parte) risiede nei server Amazon, a cui Echo invia tutti i dati vocali che riceve dall'ambiente circostante, e da cui riceve le risposte e i comandi da eseguire.
Questo, se da un lato crea qualche ansia sapendo che tutto quello che diciamo viaggia in rete verso computer collocati chissà dove, d'altra parte consente a Amazon di fare evolvere continuamente le funzioni del sistema, che sicuramente in futuro potrà fare molto di più rispetto a questa prima versione italiana.
Allora, superata la sensazione di sentirsi un po' imbecilli a parlare a una scatola, e rassegnati all'idea di lasciare che un Grande Fratello ascolti i nostri discorsi in cambio dei servizi offerti, proviamo a vedere cosa ci permette di fare Echo.
Sostanzialmente le funzioni di Echo si possono dividere in tre gruppi:
- streaming di contenuti audio
- ricerca di informazioni e creazione di liste
- controllo di dispositivi domestici
L'ultima categoria richiede di avere dei dispositivi compatibili (come prese "Smart Plug", lampadine, termostati ecc.), cosa che per il momento non ho provato.
La funzione di streaming è quella di uso più immediato, ad esempio basta dire "Alexa metti Rai Radiotre" per avviare la riproduzione in diretta del canale radio da TuneIn (l'applicazione di Internet radio), oppure "Alexa metti musica classica" e ci verrà proposto Prime musica classica da Amazon Music.
Un'altra funzione molto carina è il "sommario quotidiano", basta dire "Alexa notizie di oggi" per ascoltare un riepilogo delle notizie, che di default arriva da Sky TG24 ma si può personalizzare con altre fonti. Dopo le notizie viene dato un breve bollettino meteo.
La ricerca di informazioni ovviamente si basa su ricerche in rete, quindi i risultati possono essere più o meno convincenti a seconda dei casi, ma per ricerche veloci è certamente molto comoda. Se si devono fare ricerche più complesse meglio tornare a dispositivi tradizionali, con immissione da schermo o da tastiera e un display per vedere anche le immagini.

Anche la gestione di liste ha una sua utilità, specialmente in cucina, quando ci viene in mente che manca qualcosa basta dirlo, ad esempio "Alexa aggiungi pomodori pelati alla lista della spesa", e ci troveremo i pomodori pelati nella lista, che potremo consultare su smartphone tramite la app Alexa. Sull'altra lista delle "cose da fare" sono un po' più dubbioso, secondo me si fa prima direttamente su smartphone con una delle tante app, ma è una mia opinione personale.

Su una cosa bisogna riconoscere che Echo eccelle: nel riconoscimento vocale, anche a distanza, anche con rumore nell'ambiente. All'inizio si è portati istintivamente a parlargli scandendo le parole e ad alta voce, un po' come si fa con una persona anziana un po' dura d'orecchi. Ma poi ci si rende conto che anche parlando con voce sommessa, addirittura stando dalla parte opposta della stanza e senza fare pause tra le parole, Alexa capisce quasi infallibilmente. Capisce anche se si parla mentre c'è la TV accesa, e Echo è collocato a breve distanza dagli altoparlanti!

Purtroppo però la capacità strabiliante di capire le parole non è accompagnata dall'intelligenza nel capirne il significato. Se le domande non sono costruite nella forma che Alexa si aspetta, non otteniamo la risposta o ne otteniamo una del tutto fuori luogo. L'impressione è che il software di Echo, almeno in questa versione appena uscita in Italia, debba essere ancora migliorato in molti aspetti (e mancano anche alcune cose secondo me indispensabili, come spiegherò tra poco).

Ma facciamo un passo indietro: per funzionare Echo deve necessariamente essere configurato tramite la app Alexa, scaricabile su smartphone, tramite la quale si imposta la connessione iniziale al WiFi e varie preferenze. E' importante impostare la propria posizione geografica perché altrimenti alcuni risultati, ad esempio le previsioni meteo, saranno riferiti ad altre località.
Un'altra cosa che è possibile impostare è la parola con cui si richiama l'attenzione di Echo, che normalmente è "Alexa", ma se ne possono scegliere altre. Io avevo provato a impostare "Echo" perché è più breve, però sembra che venga riconosciuta meno bene, perciò sono dovuto ritornare allo standard "Alexa".

Per personalizzare la fonte del notiziario bisogna scaricare una "Skill". Ma che cosa sono le Skill? In pratica sono delle app che aggiungono dei contenuti a Echo. Tali contenuti possono essere appunto fonti di informazioni, ma anche altre cose come giochi, indovinelli o altro. Sinceramente da una prima occhiata le Skill disponibili, a parte quelle di informazione, mi sono sembrate abbastanza "tristi", però mi riservo di dare un giudizio dopo averle viste meglio.

Un'altra funzione importante è il collegamento Bluetooth. Ho provato ad accoppiare Echo al mio cellulare, e riesco a fare streaming di musica dal cellulare verso Echo. Però mi sarei aspettato anche di poter fare delle chiamate a mani libere usando Echo come interfaccia, ma non ho trovato il modo. Per la verità Echo permette di fare delle chiamate, ma ad altri utenti Echo, che per il momento sono pochini. La versione americana consente di fare chiamate anche a numeri telefonici tradizionali, ma anche questo non l'ho trovato nella versione italiana. Stesso discorso per la possibilità di "comandare" la riproduzione di video, mi sarei aspettato almeno di poter scegliere a voce i contenuti di Amazon Prime Video sull'internet TV, ma anche questo non l'ho trovato. Può darsi che queste funzioni ci siano e io non abbia capito come utilizzarle, anche se la cosa più probabile è che Amazon le debba ancora attivare perché il prodotto è appena nato (qui in Italia, mentre negli Stati Uniti esiste dal 2014).

Da segnalare che i comandi si possono dare anche da smartphone tramite l'app Amazon Alexa, anziché a voce, e in certi casi è decisamente più comodo. Ad esempio, è possibile vedere l'elenco delle radio di TuneIn con i titoli dei brani eseguiti in tempo reale, e sceglierne una toccandola sullo schermo.
La stessa cosa a voce non funziona altrettanto bene. Ad esempio, se dite "Alexa metti radio Swiss Jazz" parte la riproduzione di quella radio da TuneIn, ma se poi dite "Alexa qual è il titolo del brano" vi risponde "Questa è radio Swiss Jazz". Grazie, lo sapevo già, ti avevo chiesto il titolo del brano (che sulla app è disponibile). Softwaristi di Amazon, c'è ancora del lavoro da fare!

Qualche considerazione sull'audio, e sulla differenza tra Echo e Echo Dot.
La versione Dot è più piccola ed economica, comunque l'audio è del tutto accettabile non solo per la voce ma anche per sentire musica, anche a volume relativamente elevato. Chiaramente le dimensioni ridotte pongono dei limiti, che forse Amazon ha cercato di mascherare "pompando" un po' troppo i bassi, cosa che nei contenuti vocali (ad esempio notiziari) crea un rimbombo fastidioso, perciò consiglio di intervenire sull'equalizzatore per diminuirli un po'. L'equalizzatore è nell'app, se non lo vedete aspettate che vi arrivi l'aggiornamento firmware (di solito arriva quasi subito dopo il primo collegamento WiFi).
Come previsto il fratello maggiore Echo ha un audio più potente e di buona qualità. Probabilmente non è a livello degli speaker wireless di fascia alta, né tantomento degli impianti HiFi da audiofili, ma per il prezzo in offerta è sicuramente un buon acquisto. Purtroppo l'offerta lancio è terminata, ma non è da escludere che Amazon la rinnovi in altre occasioni.

La conclusione perciò è quella già anticipata: a prezzo pieno secondo me Echo ha ancora troppe lacune per essere considerato un acquisto da fare "a occhi chiusi". Aspettate che Amazon abbia aggiunto altre funzioni, o che lanci una nuova offerta!

Metto 4 stelle in rapporto al prezzo in offerta. Per la quinta stella però attendo che il prodotto sia stato migliorato (vedremo con i prossimi aggiornameti)
561 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso Link permanente

Dettagli prodotto

4,6 su 5 stelle
4,6 su 5
3.715 valutazioni globali